img_0228
Nel Corpo è racchiusa la meravigliosa esperienza della Materia Spirituale, vi è la mappa della nostra esistenza Planetaria, la memoria che riemerge che ci viene offerta, una danza perpetua tra Micro e Macro Cosmo.
Un Filo Rosso Indissolubile ci lega, tra un esistenza e l’altra, alla sfera di conoscenza in cui viaggiamo, questo Tutto è  custodito nel mistero della Vita, nella Creazione, nel Corpo.
Il Corpo è già Vita e già Morte, è movimento Ciclico, così come lo sono tutte le Cose, contenitore di avvenimenti, che segnano una traccie sul nostro Cammino.
Il Corpo genera, purifica, alimenta, respira, nel più piccolo e apparentemente inutile gesto, ci è caro e sentiamo l’urgenza di prendercene cura, perchè  è il mezzo per connetterci alla nostra essenza, alla matrice.
E se il Corpo è Creazione, lo è nella Matrice Primordiale nel Corpo Sacro Femminile, nelle Donne che  attraverso i Cicli Lunari si manifestano con la  Nascita, la Morte e la Rigenerazione della Terra.
Mestruazione*Discesa nel profondo*Flusso di Vita* Il regno di Proserpina

persefone2
Il Mito di Proserpina, ci parla dell’esperienza iniziatica delle Donne, del Primo Sangue, dello sbocciare della sessualità, tutte le Donne conservano questo ricordo, più o meno chiaramente, intimo e con aspetti dolorosi o allegri, a volte con indifferenza, ma questo resta un momento unico per una Donna.

Nella stessa maniera come Persefone/Proserpina, scende nel mondo sotterraneo, con il desiderio della Conoscenza, di Sperimentare, di Maturare, così ogni Donna affronta il proprio viaggio eroico nella vita, scandito da avvenimenti come questo, momenti chiave della nostra esistenza, che spesso sottovalutiamo.
Persefone, che affronta la discesa nelle oscurità ci da il coraggio di affrontare il Cambio, la Trasformazione, il momento a cui ci stiamo iniziando, come un baco diventa farfalla, a livello sia psico/fisico, sia emozionale/spirituale, l’esperienza del primo sangue è una porta di accesso a nuovi livelli di conoscenza che il corpo sperimenta, fondamentali per una Donna.
Riconnetterci al valore di questo momento, celebrarne la bellezza o semplicemente riscoprirne un personale senso, liberato da preconcetti culturali e religiosi, è un passo fondamentale per la cura e l’evoluzione della storia di tutte le Donne, per risanare la memoria e la Matrilinearità, il cui riconoscimento e valore sono sono stati vittime di una omertosa oppressione, come su questo tema o rispetto al termine “Mestruazione”,  che è significa,” Una volta al mese”
E’ fondamentale , secondo la mia umile esperienza come donna e come accompagnatrice, custode, guardiana di donne, ristabilire una cosciente relazione primaria/primordiale tra Corpo Terra e Corpo Matrice, che sono due temi fortemente sentiti per me, come questo Corpo Natura e Naturale, può ritornare a viversi nella sua arcaicità raffinata, senza passare per essere tribale, considerato questo fuori luogo, in un sistema sociale, dove per tribale, s’ intende rozzo e non lo si fa risalire a Tribù, che è da dove realmente proviene.
La soluzione la offrono le nostre creatività e le creatrici della Coppetta Mestruale o Lunare come l preferisco chiamarla.

Questa soluzione ecologica, economica e pratica, può cambiarci la vita, la mia esperienza è stata eccellente, a parte non avere avuto mai, alcun problema d’ irritazione ed essere riuscita quasi subito ad inserirla, anche se ho avuto delle titubanze iniziali, così come con  l’uovo vaginale(altra cosa interessante da conoscere), ma è appunto quella penetrazione intima, che ci svela la relazione con il nostro corpo più profondamente.

Poi è andato tutto benissimo, fino al punto di dimenticare di averla pur sentendo il corpo, il peso, l’ utero, le ovaie e il flusso, procedere serenamente, i dolori diminuiti per la spontanea dilatazione che subisce l’utero con l’aderenza della coppetta e nessun fastidioso odore.

Forse a volte, dopo movimenti inconsulti, qualche normale perdita, per il resto, igenica e pratica, anche in viaggio.
Una soluzione straordinaria per ristabilire una relazione naturale con il nostro flusso mestruale e non con il nostro Ciclo, come erroneamente si chiama, Ciclo è tutta la fase di 28 giorni (25 o 30) che attraversiamo, Mestruazione con flusso mestruale, è il momento in cui la sorgente si libera e il creativo, non fatto uomo, si restituisce alla Terra. Mi piace definirla come la “mia Luna Nera” o il Mio Flusso”
L’Onda di creatività che viene restituita alla Terra.

Ancora oggi, in alcune parti di Madre Terra, esistono popolazione che continuano a tramandare tradizioni, da madre in figlia, sulla cura il rispetto e la gestione della relazione con il proprio ciclo mestruale, in occidente questo è meno evidente, anche se negli ultimi tempi si sono aperte nuove e meravigliose opportunità di relazionarci con questa esperienza in forma cosciente e vivere il meraviglioso potere che questa relazione risanata può donarci.
Abbiamo custodito la nostra saggezza nelle ossa e abbiamo ingoiato le chiavi, si sono fuse con i fiumi di sangue e abbiamo dimenticato le mappe, abbiamo dovuto smarrire i grandi misteri per proteggerli, ma abbiamo intrecciato i nostri capelli alla Memoria e possiamo recuperarne il senso comune!