Fragilité

Fragile, Friabile, flessibile e flebile!.

Rivolgiamo lo sguardo alla fragilità dell’essere umano, il fattore personale, intimo e la relazione con il contesto sociale.

«Fragilità» ha la stessa radice di frangere, rompere.

Il contrario di fragile è resistente, tetragono, indistruttibile.

La fragilità rifà l’uomo, mentre la potenza lo distrugge, lo riduce a frammenti che si trasformano in polvere.”

L’uomo fragile mette insieme.

Due corpi , due frammenti, si uniscono e due fragilità si danno reciprocamente forza.

1)

Io sono fragile e parlo di forza, mi elevo, mi sollevo e mi chiedo quando tornare giù, cadere, quando sarà la prossima caduta?

Mi piego , mi sbriciolo”

Ho dedicato il mio tempo alla follia, alla maschera che crolla, alla sofferenza che si fa silenzio, che sdoppia le identità e fa di un uomo uno schizofrenico”

// U ciriveddu è un filu i capiddi//

Sinossi:

Due corpi, due frammenti che si uniscono , due fragilità si danno reciprocamente forza.

Un vetro, un palazzo entro cui uno si rispecchia vede la propria debolezza proiettata nell’altro e gli appare forza.

Il potente non sa amare; l’uomo di ferro è freddo, sa avvolgere e legare per sottomettere, per schiavizzare, una società fragile non è una società debole, semmai è una società saggia.